17668662_282749362149586_1715309718_o

Esposizione Burnout a Il Melograno di Livorno

A due anni di distanza da Immaginarie, la mia ultima personale, ho deciso di uscire dal burnout, di riprendere in mano tutti i quadri dipinti in quel lontano 2015 e di esporli a Il Melograno Galleria d’Arte di Livorno.

Questo vuole essere per me un modo per ricominciare a dipingere, raccontare storie e dedicarmi a nuovi progetti.

Vi aspetto tutti alla mostra Burnout a Il Melograno Galleria d’arte a Livorno.


Diego Gabriele
Burnout
Il Melograno Art Gallery
8 – 14 aprile 2017
Livorno, via Marradi 62/68

Sabato 8 aprile alle ore 18.00, in via Marradi 62/68 a Livorno, Il Melograno Art Gallery inaugura la personale di Diego Gabriele dal titolo “Burnout”
Il cartone è una presenza quotidiana, familiare e calda, perfetta per accogliere le impronte dei nostri tempi. E’ un supporto veloce per fissare al volo uno sguardo, per condividere uno scatto e lasciare una rapida traccia. E’ come una Polaroid, subito stampata senza ritocchi.
E dal bianco e nero dei primi scatti di Diego, ecco ora nascere “Burnout”: dopo le maliziose ragazze dai grandi occhi tondi, accennate coi gessetti sul cartone grezzo di “Ma sono nude”, dopo le intense figure bianche sui “Fondi neri”, le storie in grigio di “Anni Dieci”, il cartone diviene bianco per accogliere protagonisti per la prima volta “a colori”.
Il bianco e nero lascia spazio all’immaginazione, accentua forma , volume e tridimensionalità facendoci concentrare sul soggetto in un tempo senza età. In “Burnout “ la comparsa del colore lascia meno spazio alla fantasia, distrae ed allontana dal soggetto, contestualizza nel tempo e al tempo stesso accentua il senso del distacco, dell’estraniazione, riempiendo vuoti ne sottolinea la presenza.
Burnout, bruciarsi, scoppiare. Burnout, esaurimento emotivo, alterazione dei valori, logoramento, decadenza psicofisica, deterioramento progressivo delle emozioni, del senso di dignità, della volontà. Senso di spossatezza, inadeguatezza, mancanza di energie. Cinismo, spersonalizzazione, sdoppiamento, assenza, perdita di interesse, indifferenza, vuoto, estraniamento dalla realtà.
Sentimenti positivi , amicizia, piacere, entusiasmo, divengono rabbia, aggressività, ansia, frustrazione.
Una risposta al carico di sollecitazioni, al senso di inadeguatezza rispetto ai modelli proposti, la scarsa remunerazione del merito, il crollo della fiducia e l’assenza di equità. Una difesa dal contesto e dalle strutture sociali tramite l’azzeramento del proprio coinvolgimento emotivo o l’allontanamento dai propri ideali e valori.
L’individuo tenta di proteggersi prima di scoppiare, senza rendersi conto che è già scoppiato, è già in “Burnout”.


Press:

Melobox.it